• Consulenza finanziaria per privati

    Pianificazione finanziaria e patrimoniale, Pianificazione previdenziale e assicurativa, Valutazione ed eventuale rimodulazione di mutui e finanziamenti ...
  • Finanza e Controllo per le Aziende

    Consulenza ed assistenza nell’impostazione della gestione finanziaria ottimale.
prev next

Malattia: guida al certificato medico e alle visite fiscali

 

L’INPS ha pubblicato il 26 luglio 2018 una guida sulla certificazione telematica e sulle visite mediche di controllo. L’Istituto risponde così alle domande più frequenti dei dipendenti, sia privati che pubblici, indicando loro i passi da seguire quando, causa malattia, sono impossibilitati a recarsi a lavoro.

Medico curante

La prima cosa da fare è contattare il proprio medico curante che ha il compito di redigere e trasmettere il certificato in via telematica all’INPS. Certificato e attestato cartacei (l’attestato indica solo la prognosi, ossia il giorno di inizio e di fine presunta della malattia; il certificato indica la prognosi e la diagnosi, ossia la causa della malattia) sono accettati solo quando non sia tecnicamente possibile la trasmissione telematica.

Certificato medico

Il lavoratore, ricorda l’Istituto, deve prendere nota del numero di protocollo del certificato e controllare l’esattezza dei dati anagrafici e dell’indirizzo di reperibilità per la visita medica inseriti. Può inoltre verificare la corretta trasmissione del certificato tramite l’apposito servizio sul sito INPS, inserendo le proprie credenziali (codice fiscale e PIN o SPID per consultare il certificato; codice fiscale e numero di protocollo per consultare l’attestato). Nel certificato il medico deve inserire (solo se ricorrono) l’indicazione dell’evento traumatico e la segnalazione delle agevolazioni per cui il lavoratore, privato o pubblico, sarà esonerato dall’obbligo del rispetto della reperibilità.

Le fasce di reperibilità per le visite fiscali

Le visite mediche di controllo possono essere disposte d’ufficio dall’Istituto o su richiesta dei datori di lavoro per i propri dipendenti. Le fasce di reperibilità cambiano tra settore privato e pubblico.

Lavoratori privati

I lavoratori privati sono tenuti a essere reperibili nelle fasce 10-12 e 17-19. I lavoratori pubblici, invece, nelle fasce 9-13 e 15-18. Se il lavoratore risulta assente alla visita domiciliare viene invitato a recarsi, in una data specifica, presso gli ambulatori della struttura territoriale INPS di competenza. È comunque tenuto a presentare una giustificazione valida per l’assenza per non incorrere in eventuali azioni disciplinari da parte del datore di lavoro. 

Anatocismo bancario

Delibera CICR n. 343 del 3 agosto 2016 e completamento art. 120 del TUB La strada dell'anatocismo bancario, legislativamente lunga e giurisprudenzialmente tribolata parrebbe aver trovato la parola fine con l'adozione...

Leggi tutto

Fee only o tied agent?

Il tuo consulente finanziario è davvero "indipendente"? Poche domande per scoprirlo Con la “MIFID 2”, che mira a eliminare le salate retrocessioni, promuovendo la trasparenza dei costi degli investimenti a vantaggio...

Leggi tutto

Le obbligazioni subordinate

La valutazione di strumenti finanziari complessi, rischiosi e scarsamente liquidi Le obbligazioni subordinate sono strumenti finanziari complessi e, le relative caratteristiche tecniche, sono dettagliate nei prospetti di emissione, a volte incomprensibili alla...

Leggi tutto

Tassazione rendite finanziarie

La tassazione delle rendite finanziarie e i casi di esclusione Con l’entrata in vigore del Dl n. 66/2014 a cui ha fatto seguito la Legge di Stabilità 2015 è stata approvata...

Leggi tutto

La pianificazione finanziaria

Pianificare le proprie finanze per proteggere il proprio patrimonio e conservarlo nel tempo Si sente parlare di pianificazione finanziaria ma molte persone però non sanno di cosa si tratta e soprattutto...

Leggi tutto

Il c. finanziario indipendente

L’obiettivo primario del CFI è la protezione del patrimonio oltre che dai conflitti di interesse, anche dalle turbolenze dei mercati finanziari Nel 2000 in italia non esisteva alcun servizio di analisi e consulenza...

Leggi tutto